e-privacy XXIV - inverno 2018

     





GDPR vs. Tecnologie Emergenti

Il GDPR sarà in grado di proteggere i diritti digitali dei cittadini europei da tecnologie come il sequencing del DNA, l'Internet delle Cose e l'Intelligenza Artificiale?

Il GDPR, nel campo dei diritti digitali, ha ottenuto risultati solo apparentemente secondari, ma in realtà impensabili fino a pochi mesi fa.
Ha obbligato i big player come Google e facebook a "liberare" i dati personali degli utenti, permettendo ad essi di estrarne copia per tornarne (o meglio venirne per la prima volta) in possesso, come pure a ridurre e rendere esplicito l'uso dei cookie. Per aziende che vivono di dati personali questo è davvero un comportamento "contro natura".
Potenza del GDPR!
Ma sfide ben più grandi sono sul tappeto; i fenomeni discussi nella scorsa edizione di e-privacy si stanno aggravando.
L'Internet delle Cose, l'Intelligenza Artificiale, i Big Data ed il sequencing del DNA si stanno spartendo i brandelli della nostra persona digitale, ed hanno iniziato ad invadere anche quella "analogica".
Google Home, Alexa, Siri e Cortana ci ascoltano, memorizzzando le nostre azioni ed i nostri comportamenti, mentre le loro I.A. deducono le nostre abitudini, la nostra personalità e le nostre inclinazioni.
Le sequenze di nostri DNA vengono lette, memorizzate e modificate con tecniche quali Crispr/Cas9, e, grazie alla cosiddetta "proprietà intellettuale", divengono proprietà privata di altri.
I fronti sui quali il cittadino europeo deve essere protetto sono tanti, mentre,nel panorama nazionale ed europeo, l'unica legge che ha davvero spaventato e fatto cambiare alcune perniciose abitudini ai big data player è stato il GDPR.
Quanto potrà essere efficace il GDPR per proteggere i cittadini europei dalle tecnologie emergenti, e quanto dovrà essere esteso e modificato per riuscirvi?
Quanto peseranno gli indirizzi di altri Stati extra UE, a cominciare dagli Stati Uniti?






Biglietto e-privacy XXIV - 30 novembre -1 dicembre 2018

ATTENZIONE: se non ricevi l'email di registrazione controlla nella cartella SPAM
(scelta multipla possibile)
(scelta multipla possibile)

Il convegno


Sin dal 2002 ad e-privacy si sono confrontate le tematiche di un mondo sempre più digitale ed interconnesso, nel quale le possibilità di comunicazione ed accesso alla conoscenza crescono continuamente, come pure crescono le possibilità di tecnocontrollo degli individui sin nei più intimi dettagli. L’approccio è interdisciplinare; dagli specialisti in informatica ai legali che si occupano di nuove tecnologie, dagli psicologi agli educatori, dagli operatori privati a quanti operano nel settore pubblico ed istituzionale.

Programma

venerdì 30 novembre
ore 9.30-13.00

GDPR vs. Tecnologie Emergenti

Chairman: Marco Calamari

venerdì 30 novembre
ore 14.25-18.30 

Dati Personali e beni comuni digitali

Chairman: Emmanuele Somma

sabato 1 dicembre
ore 9.30-11.30

La sicurezza delle informazioni nella società postindustriale

Chairman: Corrado Giustozzi

sabato 1 dicembre
ore 11.30-13.00

Tavola Rotonda: Cryptovalute e Blòckchain alla luce della privacy

Chairman: Rebecca Berto

La sede



Il Progetto Winston Smith

Il Progetto Winston Smith prende il nome dal personaggio del romanzo di George Orwell. È un’identità collettiva, fittizia e anonima in grado di guidare un manipolo di avanguardisti tecnologici nei pericolosi percorsi della Rete raccontando e possibilmente insegnando come sopravvivere indenni ai tempi dell’imminente colera digitale.
http://pws.winstonsmith.org  - segreteria@winstonsmith.org



HERMES Center for Transparency and Digital Human Rights

Il Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani Digitali è una NGO internazionale con base italiana che sviluppa, promuove e diffonde l'uso consapevole di tecnologie per la trasparenza e la tutela dei diritti umani, con un focus particolare sul Whistleblowing, la privacy, l'anonimato e l'ambito dei digital rights at large. Come observer EDRi (https://edri.org), coalizione europea basata a Bruxelles di organizzazioni operanti nell'ambito della difesa dei diritti digitali, il Centro Hermes co-organizza l'evento e-privacy per favorire il dibattito critico nel delicato rapporto fra tecnologia e società con un approccio interdisciplinare tecnico e giuridico.
HERMES Center for Transparency and Digital  Human Right • via aretusa 34, 20129 Milano
http://hermescenter.org - info@hermescenter.org